UZBEKISTAN - Urgench

"Essenza Uzbeka", città azzurre sulla "Via della Seta"

  • Tour di gruppo (voli esclusi)
  • 7 giorni / 6 notti
  • standard 3 / 4 stelle
  • Pensione completa

"Essenza Uzbeka", splendido tour di Gruppo in Italiano, nella Terra di Tamerlano.
Viaggerete alla scoperta di bellezze architettoniche e storiche inestimabili, conoscerete la Terra di grandi scienziati e feroci conquistatori, visiterete Khiva, Samarcanda, attraverserete splendide città dell'Uzbekistan dai preziosi mosaici azzurro e oro. Sarà un'esperienza affascinante e ricca di emozioni, nel cuore della "Via della Seta", antico snodo commerciale e collegamento tra Persia e Cina.
L'Uzbekistan conserva un immenso patrimonio architettonico islamico tra i piu' affascinanti al mondo, costituito da grandiose moschee con piastrelle policrome, slanciati minareti, mausolei e caravanserragli. 
Non fu solo Terra di Grandi conquiste, ma di "geni" intellettuali, e accolse studiosi provenienti da tutto il Mondo.

VOLI NON INCLUSI: è possibile fornirli su vostra richiesta

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

L'UZBEKISTAN,
Un viaggio alla scoprta delle più belle città dell'Uzbekistan, culla di antiche civiltà: Khiva, Bukkara, Samarcanda, il villaggio di Mitan e la capitale Taskent. 

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1°giorno: Urgench / Khiva
- Arrivo a Urgench.  Dopo il disbrigo delle formalità doganali e il ritiro dei bagagli, incontrerete il nostro assistente e la guida per il trasferimento a Khiva.
Sistemazione in hotel a Khiva e prima colazione (check-in dopo le 12.00).
La cittadella antica di Khiva, dichiarata «Patrimonio dell'Umanità » dall'Unesco, è racchiusa da un perimetro rettangolare con alte mura e vi sono concentrati i principali monumenti storici.
Intera giornata dedicata alla visita della città, nota come la città-museo a cielo aperto.
Le sue origini risalgono al '600 d.C., ma il suo sviluppo e’ avvenuto solo intorno al XVI° secolo d.C., quale ultimo centro del commercio degli schiavi.
Le escursioni hanno inizio dalla cittadella Ichan Kala, «La fortezza interna» di Khiva.
La città vecchia contiene oltre 50 monumenti storici e 250 vecchie abitazioni, per la maggior parte risalenti al XVIII e XIX secolo.
Visiterete: il complesso “Kunya Ark” con l’harem e le vecchie prigioni; la Scuola Coranica di Amin Khan, la bellissima Moschea di Juma, costruita nel X secolo d.C. e restaurata nel XVIII secolo, il Tosh Khovli « Il palazzo di Pietra » costruito nel 1830. Fu residenza del Khan dal 1841 al 1880 e come si conviene ad un “Palazzo Reale” conteneva l'harem, la zecca, le scuderie, l'arsenale, la moschea e la prigione (Zindon). Oggi l'edificio è un museo in cui vengono mostrati gli antichi ambienti.
Si proseguirà visitando la Madrasa di Kuli Khan, il bazar e il caravanserraglio.
Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio si effettuerà la visita del mausoleo di Pakhlavan Makhmud, risalente al 1362, poi distrutto e ricostruito nel 1913: è il mausoleo più bello e sacro di Khiva, dedicato a Pakhlavan Makhmud (1247-1325), poeta filosofo e combattente, oggi venerato. Sulla sua tomba, venne costruito il mausoleo con la bellissima cupola, in seguito distrutta. Nel 1913 venne costruito un nuovo complesso, che include il sepolcro.
Cena in ristorante tradizionale. Pernottamento  in hotel.

2°giorno: Khiva / Bukhara (450 km)
- Prima colazione in hotel. Partenza per Bukhara. L'itinerario si noda attraverso il fiume Amu-Darya e il deserto Rosso (Kyzilkum).
In Uzbekistan si trovano due grandi fiumi: l’Amu-Darya, in greco Oxus, e il Syr-Darya,in greco Jaxartes.  L’ Amu-Darya scorrendo da Sud a Nord, a Khalkabad segna il confine tra Turkmenistan ed Uzbekistan.
Il deserto del Kizilkum si estende tra Kazakistan e Uzbekistan (Asia Centrale) e il suo nome significa "le sabbie rosse".
Il territorio è costituito per la maggior parte da una piana coperta di dune sabbiose. Il principale centro abitato della regione è Bukhara.
Vi si trovano importanti giacimenti minerari, in particolare oro, uranio, alluminio, rame, argento, petrolio e gas naturale, grandi risorse per l'economia del Paese.
Pranzo in ristorante. Nel tardo pomeriggio arrivo a Bukhara e sistemazione in hotel. Cena in ristorante. Pernottamento in hotel.

3°giorno: Bukhara
- Prima colazione in hotel.  Visita della citta’di Bukhara, una delle più antiche città del mondo, sorta 2.500 anni fa. Visita della  piazza  principale, Lyabi-Hauz, una piazza molto suggestiva costruita nel 1620 attorno ad una grande vasca: è un vero salotto cittadino.
Nel XX secolo nel giardino davanti alla madrassa trovò posto il monumento del leggendario personaggio popolare Khodja Nasreddin. A est della statua vi è la madrasa di Nodir Devan Beghi (1622), costruita inizialmente come caravanserraglio. A nord è situata la Madrasa Kukeldash (1568-1569): è il più antico e grande complesso di Lyabi Hauz. .
A Bukhara si trova una delle più antiche moschea dell’Asia Centrale, la moschea Magoki-Attari, situata nel quartiere residenziale: un esempio di moschea urbana.
Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio proseguimento della visita. Il simbolo principale e punto di riferimento della città è il Minareto Kalyan “il minareto grande”,  costruito nel 1127, è alto circa 47 metri ed è a forma cilindrica, che si restringe verso la sommità. La torre superiore ha 16 finestre ad arco dalle quali il muezzin richiama i fedeli; per raggiungere la sommità percorre una scala a chiocciola fino alla cima.
Collegata da un piccolo ponte, si trova la Moschea Kalyan.
Proseguimento nella cittadella dell’Ark (XVIII-XIX secolo), una città regale, centro dell’ organizzazione statale di Bukhara.
Accanto alla vasca, di fronte all’ingresso dell’Ark, sorge la bellissima moschea Bolo-Khauz (1712), luogo di culto ufficiale dell’emiro.
Il mausoleo dei Samanidi fu costruito nel periodo di Ismail Samani (892-907 d.C.) e divenne sepolcro familiare dei Samanidi.
Cena in ristorante locale. Pernottamento in hotel.

4°giorno: Bukhara / Mitan / Samarcanda (290 km)
- Prima colazione in hotel. Partenza per il Mitan, un piccolo villaggio situato nella vasta e splendida regione di Samarcanda. Arriveremo nel pomeriggio e pranzo prezzo una famiglia del villaggio. 
Sarà possibile osservare la preparazione dei bitchak  una pasta ripiena di verdure, cucinata in un forno di argilla, detto "tandyr".
Si proseguirà verso per Samarcanda. Arrivo, sistemazione in hotel. Cena in ristorante. Pernottamento in hotel. 

5°giorno: Samarcanda
- Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicate alla visita dei principali monumenti di Samracanda, sulla Via della Seta, fu il punto cruciale delle strade che conducevano in Persia, India e Cina.
Si visiterà del mausoleo di Gur-Emir (XV secolo), “la tomba dell’Emiro”, situato nel luogo di sepoltura di Tamerlano e i suoi seguaci. Il mausoleo fu costruito per ordine di Tamerlano in onore del nipote Mukhammad Sultan, morto nel 1403.
Si proseguirà verso la Piazza di Registan, con le sue imponenti Madrase dell’epoca di Tamerlano (madrasa di Ulugbek. moschea di Tilla Kori e madrasa di Sher Dor), la gigantesca moschea  di Bibi Khanum che risale all’epoca di Tamerlano e il mercato orientale di Siab.
Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio è prevista la visita del complesso di Shakhi Zinda, lo splendido viale delle tombe, chiamato “ La Perla di Samarcanda”.
Cena in ristorante. Pernottamento in hotel

6°giorno: Samarcanda / Tashkent (310 km)
- Prima colazione in hotel. Proseguendo verso nord si raggiungerà il famosissimo "Osservatorio di Ulugbek", una delle più grandi scoperte archeologiche del XX secolo.
Mirzo Ulugbek, nipote di Tamerlano condusse qui le sue ricerche astronomiche. l'Osservatorio fu costruito nel 1428 sulla collina di Kukhak per l'osservazione dei corpi celesti. Nel 1437 Ulugbek definì la durata dell’anno astronomico: 365 giorni 6 ore 10 minuti 8 secondi, con una differenza di soli 58 secondi rispetto agli studi attuali.
Ai tempi di Ulugbek, Samarkanda diventò il centro delle scienze medioevali di fama mondiale. A Samarcanda, dalla seconda metà  del XV secolo, intorno a Ulugbek  sorse  una vera e propria scuola accademica, che riunì eminenti astronomi e matematici.
Si proseguirà con la visita del mausoleo di San Daniele, luogo suggestivo che accoglie i credenti di più religioni… infatti  si dice che San Daniele sia il Padre Santo di 3 religioni: Islamica, Cristiana e Giudaica. Seguirà la visita del Museo di Afrosiab.
Pranzo in ristorante.
Trasferimento a Tashkent in pullman. Nel tardo pomeriggio arrivo a Tashkent e sistemazione in hotel. Tempo a disposizione.
Cena in ristorante. Pernottamento in hotel

7° giorno: Tashkent
- Prima colazione in hotel. La mattinata inizierà con la visita alla Madrassa di Kukeldash, una splendida scuola coranica del XVI secolo, la cui piazza il Venerdì si riempie di fedeli in occasione della preghiera settimanale; nelle vicinanze sorge la piccola moschea Jami, risalente al XV secolo e utilizzata in epoca sovietica come officina per la lavorazione di lamiere.
Si visiterà anche il bazar Chorsu, un enorme mercato all’aperto, il complesso Khast Imam, la Moschea Tillya Sheykh, del XVI secolo, in cui si conserva il più antico Corano esistente, segnato col sangue dello stesso Califfo Osman, assassinato nel 655; si proseguirà con la visita alla madrasa Barak Khan, fondata nel XVI secolo da un discendente di Tamerlano; il mausoleo Kafal Shashi, tomba dell’omonimo poeta e filosofo dell’islam che visse dal 904 al 979. La visita continua con  la piazza dell’ Indipendenza. Pranzo in ristorante.
Nel pomeriggio: trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro in Italia.

Hotel previsti durante il tour: 
- Khiva: Hotel Orient Star Medresse 3 stelle
- Bukhara: Hotel Nodir Devon Reghi 3 stelle 
- Samarcanda: Hotel Emirkban 4 stelle 
- Tashkent: City Palace 4 stelle

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo

Supplementi

dal 01/01/18 al 30/11/19
Supplemento Singola per tutto il viaggio
€ 340
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

La quota comprende:
- Trasferimenti da/per aeroporto
- Tour effettuato con pullman con aria condizionata
- Guida locale parlante italiano durante il tour  
- Trattamento di Pensione completa dall’arrivo alla partenza per il ritorno in Italia
- Ingressi ai monumenti e musei elencati nel itinerario
- Mance per i facchini nei alberghi.

La quota non comprende:

- Volo di linea le migliori compagnie e dagli aeroporti da voi richiesti.
- Tasse aerportuali e Fuel Charges
- Visto: da richiedere in Italia
- Assicurazione Medico Bagaglio e Annullamento Viaggio: € 50,00 a persona
- Quota Gestione Pratica: € 60,00 a persona
- Biglietti per scattare foto e video
- Mance agli autisti e varie, bevande, extra di natura personale, quanto non indicato nella voce" la quota comprende".

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Appunti di Viaggio

INFORMAZIONI UTILI

Superficie
: 447.400 km²
Moneta: la moneta ufficiale è il Sum. 1 euro è pari a circa 2156.95 Sum (UZS)
Popolazione: 25.981.647 abitanti.
Religione: circa l'88% della popolazione è musulmana sunnita e il 9% ortodossa; poi ci sono piccole comunità cattoliche, luterane, ebree e alcune buddhiste.
Voli : circa 6 ore di volo, per i tragitti diretti. Partenze da Roma.
Fuso orario: +4 ore rispetto all'Italia; +3 ore quando in Italia è in vigore l'ora lega
Elettricità: 220 V. Le prese elettriche sono diverse da quelle italiane. Adattatore necessario.
Aeroporti: l'aeroporto di Tashkent si trova a 10 km dal centro città. Per raggiungerlo contrattate il prezzo della corsa con i taxi privati, vi costerà dai 5 ai 10 USD. Il tragitto in autobus vi costerà circa 1 USD.
Lingua: la lingua ufficiale è l'uzbeko. Il russo è correntemente parlato, spesso più dell'uzbeko.
Telefono:
per chiamare l'Uzbekistan dall'Italia, comporre il prefisso internazionale 00 + 998 seguito da 71 per Tashkent (712 in caso di un numero a sei cifre); 662 per Samarcanda, 6522 per Bukhara, 6222 per Khiva, 742 per Andijan, 6922 per Namangan, 732 per Fergana + il n° desiderato.
Dall'Uzbekistan verso l'Italia, comporre 00 + 39 + il n° desiderato comprensivo di 0 iniziale.
Visto: per i cittadini italiani, il rilascio di un visto è necessario. Il passaporto deve essere valido 6 mesi oltre la data di ritorno. Per ottenere un visto contare almeno due settimane, da richiedere all'Ambasciata dell'Uzbekistan a Roma (via Tolmino) . Costa (ingresso singolo) 60 euro per 7 giorni sul posto, 70 euro per 15 giorni e 80 euro per 1 mese.
Salute: Non è obbligatorio alcun vaccino. Consigliamo eventualmente di vaccinarvi contro le epatiti A e B, la difterite, il tetano, la tubercolosi, la poliomielite e la febbre tifoide. Alcune epidemie possono manifestarsi a causa del forte caldo.
Si raccomanda di bere acqua minerale in bottiglia se non si è sicuri della qualità dell'acqua del rubinetto. Evitate gli alimenti crudi e rispettate le misure igieniche classiche come il lavarsi le mani prima di mangiare.
Soprattutto per chi soffrisse di particolari patologie, è' consigliato sentire il proprio medico prima della partenza.
Circolare nella zona...: Attualmente non ci sono linee aeree che collegano tra loro le principali città. Dovete quindi combinare i trasporti in aereo e in pullman o prendere l'aereo via Tashkent. Il viaggio in treno è lungo, ma se avete tempo è quello più ricco di incontri. Lo stesso vale per i pullman, più veloci del treno. Potete anche noleggiare una macchina con autista, fissando naturalmente la tariffa in anticipo. Oppure potete prendere i taxi pubblici. Il prezzo di questi taxi viene spesso fissato a seconda delle persone a bordo.

STORIA e CITTA'


Il tratto cruciale dell'antica Via della Seta, che collegava la Persia alla Cina,  toccando  le famose città carovaniere  di Khiva, Bukhara,Samarcanda,Shakhirisabz, sino a Tashkent,la capitale.

Tashkent – “La Stella d'Oriente”

Tashkent è la capitale dell’Uzbekistan , ha una popolazione di 24 millioni di abitanti, si trova ad un’altitudine di 489 metri, centro di tutta l’Asia Centrale. Tashkent e la città più grande e cosmopolita di questa parte del mondo; è anche il  maggiore centro economico e culturale della Repubblica Uzbeka, sede di cotonifici, setifici, stabilimenti meccanici, industrie chimiche e riveste un importante ruolo di nodo di comunicazioni. Poco rimane del suo passato a causa di un terremoto che la distrusse nel 1966 e soprattutto dalla realizzazione in epoca sovietica di un piano urbanistico elaborato fin dal 1916. Il risultato è che la Tashkent odierna ha assunto l’aspetto tipico di una città dell'Europa orientale. Del suo passato Tashkent ha conservato ancora l'Eski Shakhar, ossia la città vecchia, fatta di stradine strette e modeste abitazioni, ma anche di antiche madrase (scuole islamiche) e magnifiche moschee.

Samarkanda – “Paradiso di Turchese”

Samarcanda è la terza città per dimensioni in Uzbekistan (popolazione 352.047 abitanti calcolati per il 2010) e il capoluogo della regione di Samarcanda. La città è per lo più conosciuta per essere nel mezzo della Via della seta nel percorso tra la Cina e l'Occidente. Città collocata a 702 metri sopra il livello del mare. Nel 2001, UNESCO ha inserito la città, vecchia di 2700 anni, nella lista dei Patrimoni dell'Umanità, sotto il titolo di Samarcanda - Crocevia di culture. Un tempo Samarcanda fu la città più ricca dell'Asia Centrale e Alessandro Magno la conquistò nel 329 a.C..
Sotto il suo impero, Samarcanda rifiorì diventando una delle città più importanti.  Successivamente conobbe l'invasione araba dei Persiani e di diverse successive dinastie turche. Nel 1370 Amir Temur (Tamerlano) decise di rendere Samarcanda una città stupenda e usarla come Capitale dell'Impero che avrebbe costruito e che si estese dall'India.  La ricostruzione durò 35 anni e la città divenne il centro della regione chiamata in Occidente Transoxiana.  Ancora oggi Samarcanda è una città bellissima, magica e mistica.

Bukhara – “ La Perla dell’Islam”
Bukhara è il capoluogo della regione di Bukhara, città dell'Uzbekistan con una popolazione di 231.793 abitanti nel 2010. È stata per secoli una delle più importanti città di Transoxiana islamica. Durante l'invasione mongola, fu distrutta da Genghis Khan e cadde poi sotto l'influenza di Tamerlano, dove rifiorì.
Più tardi divenne famosa come Khanato di Bukhara e in questo periodo vide sviluppare considerevolmente la sua economia grazie ai ricchi traffici mercantili che la coinvolgevano, sorgendo sulla via della seta.  

Khiva – “Una sorpresa per gli occhi”
Città affascinante nella regione del Khorezm. La sua storia affonda nella leggenda: si dice che, Khiva fu fondata quando Sem, figlio di Noè, scavò un pozzo in questa zona. Storicamente comunque è accertato che la città esisteva nell'VIII secolo come fortezza minore e stazione commerciale lungo la diramazione della Via della Seta in direzione del Mar Caspio e del Volga. All'inizio del XVI secolo Khiva divenne la capitale dell'impero Timuride: era famosa per un fiorente mercato degli schiavi.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!